Capodicasa e PD contestati dai precari: fine della catalessi? (video)

di Salvatore Petrotto

Realmonte, 6 ottobre 2016 – Incontro tra l’assessore regionale, il toscano Alessandro Baccei (uomo di Renzi) ed i deputati Angelo Capodicasa, Giovanni Panepinto e Salvatore Cascio, con i precari agrigentini. L’acceso dibattito sfocia in delle prese di posizione nette. Si stigmatizza la presa in giro di Stato e Regione nei confronti di 22 mila precari siciliani della Pubblica Amministrazione che si sono dovuti rivolgere alla Corte di Giustizia Europea, per avere riconosciuto il loro diritto al lavoro, dopo oltre 25 anni di precariato.
Alla Sicilia, secondo quanto asserito lo scorso anno, tra l’altro dallo stesso Assessore Regionale all’Economia, Baccei, vengono sottratti, in violazione di quanto contenuto nell’art. 37 dello Statuto della Regione Sicilia, qualcosa come 7 miliardi all’anno. Pensate che per stabilizzare tutti quanti i precari siciliani, occorrerebbe qualche centinaio di milioni di euro: una bazzecola!
Eppure dopo decenni di vane promesse, ogni anno si tira a campare con delle proroghe che, badate bene, servono solo ad assicurare, ad esempio, ai 6 mila Lavoratori Socialmente utili ed ai cosiddetti ASU, soltanto 570 euro al mese, senza garantire loro alcun contratto ed i relativi contributi previdenziali. In pratica, da oltre 25 anni, queste persone che nel frattempo hanno superato anche i 50 anni, sono state relegate all’anomalo ruolo di “lavoratori in nero legalizzati”, svolgono nei comuni e negli enti dove vengono utilizzati le mansioni più disparate e si assumono anche delle responsabilità che comporterebbero, da più di vent’anni a questa parte, una loro sacrosanta stabilizzazione, come è avvenuto del resto per gli oltre 100 mila insegnanti precari che hanno giustamente vinto il loro ricorso contro lo Stato Italiano, dimostrando che dopo 3 ani di lavoro continuato, si ha diritto ad essere assunti a tempo indeterminato. Nel nostro caso parliamo di gente che lavora presso i comuni e presso altri enti pubblici e privati da più di 25 anni!

Per ulteriori dettagli, clicca qui.

Rispondi