Corre l’anno duemilamai e tutto va bene

Dopo l’ennesima sortita del Governo nazionale sul Ponte di Messina, prevista per l’8 ottobre 2016 la riapertura del Ponte Petrulla che da Ravanusa porta a Licata. Il viadotto Petrulla, ponte sulla Licata – Ravanusa – Canicattì è crollato il 7 luglio 2014, provocando l’isolamento di comuni storicamente interconnessi del comprensorio di Licata. Da allora, nonostante il pericolo concreto di dovere raccontare una strage e i danni economici provocati ad un bacino di almeno centomila persone, nessuno è stato chiamato dalla magistratura alle proprie responsabilità. Risulta, infatti, interrotta da più di due anni la statale 123 che collega i due grossi centri Canicattì e Licata. Emilio Mucilli, direttore generale per la Sicilia dell’Anas, qualche mese fa rassicurava il sindaco di Licata, Angelo Cambiano, che i lavori, consegnati all’impresa appaltatrice lo scorso 12 di febbraio, sarebbero stati consegnati l’8 ottobre 2016. A pochi giorni da questa data, il falco Dino Terrana si è recato in bici sul ponte a filmare le condizioni dell’opera e lo stato dell’arte.

“Mancano 4 giorni alla riapertura dello scorrimento Licata – Torrente Braemi (almeno così ci hanno detto). Stamattina sono andato a vedere se effettivamente ci sono le condizioni per una riapertura di questa importante arteria stradale, ormai chiusa da oltre 2 anni. P.S. Scusate per le parolacce, ma dopo oltre 2 anni di attesa credo di interpretare il sentire comune di Ravanusani e Licatesi”. Dino Terrana

CONDIZIONI ESISTENTI IL 04.10.2016

CONDIZIONI ESISTENTI IL 04.10.2015

Rispondi