Di quale sinistra parliamo? Dall’Unità alla Scissione dell’Atomo

di Vito Coniglio

La Sinistra italiana? Una, nessuna, centomila! Solo per far riferimento ad accadimenti recenti, ricordo che, nel ’91, nasce il PDS, per scissione del quale viene alla luce Rifondazione, nella quale confluiscono Democrazia Proletaria ed il Partito Comunista-Leninista “Linea Rossa”. Subito dopo …

Subito dopo, si scinde il Movimento dei Comunisti Unitari che, più avanti, darà vita ai DS. Alcuni compagni, però, si scindono a loro volta e fondano Sinistra Democratica per il Socialismo Europeo, che sarà fra i fondatori di Sinistra e Libertà, che, a sua volta, sarà fra i fondatori di SEL. Intanto, da Rifondazione si scinde Mara Malavenda, che fonda i COBAS, e si scinde anche Cossutta, che dà vita al PDCI, che si scinde da lì a poco. Ne nasce l’Associazione Sinistra Rosso-Verde, dalla quale si scindono Marco Rizzo, che fonda Comunisti Sinistra Popolare, e Katia Belillo che fonda Unire la Sinistra, intanto che Rifondazione si ri-scinde: se ne vanno i trotzikisti di Ferrando che fondano il Partito Comunista dei Lavoratori. Rifondazione e PDCI si fondono nella Lista Anticapitalista che, però, non raggiunge il quorum necessario per una rappresentanza parlamentare. Si ri-scinde ancora, da Rifondazione, l’Ernesto, corrente marxista-leninista, per confluire nel PDCI, mentre Vendola si scinde, sempre da Rifondazione, per dar vita a Rifondazione per la Sinistra, da cui, per un’ulteriore scissione, nasce Iniziativa Comunista, dalla quale, una fazione si scinde per fondare Progetto Comunista, da cui, per scissione, nascono i Comitati Autorganizzati, dai quali l’ennesima scissione dà vita a Progetto Comunista, dal quale taluni scissionisti si staccano per fondare Sinistra, Classe, Rivoluzione. ( Marta Gemma). A questo punto, per non esser da meno, anch’io, rendendomi conto di non esser connesso al “coniglio reale” e non più condividendo il mio progetto politico, ho deciso: mi autoscindo da me stesso!

Rispondi